+39 02 82396986 | +39 0587 54199 info@uppstart.it

Nel percorso per diventare imprenditori l’ansia e la paura diventano naturalmente inseparabili compagne. I timori sono tanti, dal perdere i clienti più importanti al restare a corto di capitale. Per un imprenditore, il coraggio non corrisponde all’assenza di paura, ma alla capacità di perseverare nonostante la paura.

Un’idea, un nuovo progetto, difficilmente nascono vincenti, ma lo diventano tramite l’apprendimento e la pianificazione.

Persino il successo può diventare motivo di paura, perché più un’azienda cresce e più si espone, sia in termini di reputazione che per quanto riguarda la tutela dei propri dipendenti.

La paura è un sentimento comune e diffuso, in una molteplicità di situazioni: e la paura di fallire ha sicuramente colpito tutti gli startupper.

Finché una startup rimane nel mondo delle idee, difficilmente si percepisce la paura, ma quando si comincia a mettere in atto un progetto completo, allora la paura di non farcela sicuramente si presenta.

E allo stesso modo è ovvio che la paura si faccia sentire sempre di più quando si commettono degli errori (e spesso è inevitabile, soprattutto nelle prime fasi di un progetto) oppure si ricevono delle critiche negative.

La paura è importante, ma normalmente viene utilizzata come strumento di protezione: nel momento in cui abbiamo paura di qualcosa, sentiamo che quel qualcosa è pericoloso per noi e quindi evitiamo di farlo.

Essere uno startupper vuol dire rovesciare completamente questa prospettiva: la paura non deve essere più un freno all’attività, al desiderio di crescere e di cambiare, ma deve essere trasformata nel motore del cambiamento stesso.

Commettere degli errori è normale e in certi limiti può essere considerato accettabile, l’importante è capire velocemente quando è il momento di fermarsi, capire dove sta l’errore e se necessario cambiare percorso. Da uno sbaglio non deve derivare la paura di sbagliare ancora, quanto la capacità di imparare.

Imparare dai propri errori è una caratteristica necessaria per uno startupper di successo, che non viene frenato dalla paura ma spinto a migliorare le sue prestazioni.

Anche le critiche negative generano paura, in particolare quella di non essere effettivamente adatti a creare una startup e avere successo: ma le critiche vanno accettate.

Apprendimento e conoscenza sono dei potenti alleati per sconfiggere la paura di fallire. Questo vale sia per le competenze fondamentali, sia per il costante aggiornamento necessario a restare al passo con l’evoluzione del proprio campo di attività.

Per un imprenditore, specie in caso di start up, relazionarsi con mentori e con un network di professionisti nel suo campo di attività può rappresentare una vitale fonte di rassicurazione.

Il confronto con persone più esperte è fondamentale per sviluppare le attitudini all’apprendimento, al problem solving e all’auto-consapevolezza.

Uno studio della Università Harvard ha identificato 7 fonti di paura, tutte condivise sia tra imprenditori già avviati che tra aspiranti tali o principianti.

  • Sicurezza finanziaria
  • Capacità di finanziare l’impresa
  • Capacità personale/autostima
  • Potenziale dell’idea
  • Minaccia per la stima sociale
  • Capacità esecutiva/operativa dell’azienda
  • Costi di opportunità

Sono tutte paure legittime che devono lette ed essere affrontate nel modo giusto tramite la pianificazione e l’aiuto di un mentore o un consulente con esperienza nelle problematiche insite in una Start up.

Il consulente, adeguatamente preparato, ti aiuta, passo dopo passo, a sviscerare le suddette paure e a trovare le possibili soluzioni.

UPP START, società di consulenza specializzata, offre un concreto supporto al neo imprenditore assistendolo passo dopo passo nel suo progetto imprenditoriale affrontando insieme a lui le paure e le ansie, la creazione del Business Model, Business Plan, nella ricerca di Partener anche finanziari, nella individuazione delle fonti di finanziamento tramite canali tradizionali e non, ad esempio Crown Funding. Il nostro principio è ascoltare ed imparare a conoscerti e valutare gli interventi strettamente necessari. Se hai un progetto ti invitiamo a sottoporcelo per un check up gratuito e pianificheremo insieme a te il tuo futuro.

Share This