+39 02 82396986 | +39 0587 54199 info@uppstart.it

Covid-19: la difesa del patrimonio personale

Le misure che il Governo metterà in campo per la ripresa/ripartenza dell’economia reale, inevitabilmente, richiederanno ingenti risorse finanziarie che non potranno essere individuate solo in Europa.

Per questo si sente parlare di ricorrere alla “leva fiscale” per finanziare in parte le casse dello Stato; una leva che potrà trovare fonte in vari strumenti come il condono, l’imposta patrimoniale, contributo solidarietà, ecc….

Tra i vari strumenti di leva potrebbe essere preso in considerazione anche l’aumento delle imposte di successione e donazione (per altro già avanzata con la proposta di legge n. 2830 del 2015). Ad oggi questo tributo rappresenta una modesta entrata nel bilancio generale dello Stato in quanto la pressione (aliquote e franchigie in linea retta) fiscale è tra le più basse rispetto alla media europea. Si pensi che in Spagna è il 34%, in Francia oscilla tra il 5% ed il 45%, in Germania tra il 7% ed il 30% del patrimonio. Quale impatto potrebbe avere la revisione delle aliquote e delle franchigie? Ipotizzando una successione in linea retta con due eredi (coniuge ed un figlio) l’incremento dell’aliquota dal 4% al 7% ed una riduzione al 50% dell’attuale franchigia (quindi 500.000 euro per ciascun erede) con un valore patrimoniale di 1,5 milioni di euro, il gettito passerebbe da zero a 35.000 euro.

UPP Start, società di consulenza specializzata, assiste i propri clienti in un percorso “su misura” al fine di individuare la migliore soluzione contestualizzata al caso specifico.

Share This